Negozio

Hibiscus

2 ai membri di tripwolf piace Hibiscus

modifica fatti principali

Foursquare Hibiscus fotografie

  • Hibiscus_1
  • Hibiscus_2

UltimeHibiscus recensioni (1)

  • Attualmente non sei collegato. o registrati per scrivere un commento.

  • Indubbiamente la qualità e l'originalità dei capi, soprattutto delle giacche, è impeccabile e può per certi versi giustificare il costo, sì, ci compri massimo una volta all'anno ma pace. Peccato però che quello che esprimono questi capi, ciò che li ispira, cioè una certa ricercatezza culturale ed estetica tipicamente italiana con felici contaminazioni etno, sia in contrasto con i modi in cui i capi vengono venduti. La cliente ideale è straniera, o italiana particolarmente ricca (no perchè siamo in tempi di crisi) e assolutamente non giovane. E dire che questi capi hanno gusti e colori da giovani e sono un pugno nello stomaco indossati da vecchie signore che entrano e acquistano 6 o 7 capi, incuranti direi di qualunque cosa, ma alla proprietaria questo che cosa importa, tanto lei fa i soldi, non la qualità di vita sua e degli altri, i soldi. Se le donne manager italiane sono così sono responsabili del disfacimento di questo paese, perchè il vero salto di qualità non l'hanno fatto. La titolare infatti è una signora di grande raffinatezza ed eleganza come ciò che vende: in ribellione alla serialità e scarsa qualità dei tessuti dominante, avevo curato uno spolverino particolare giapponese che mi stava d'incanto dalla sera prima, mi sono informata e mi han detto che ce n'era solo un altro in magazzino, la mattina dopo sono tornata con la modica cifra di 400 euro racimolata con fatica e me lo sono visto portar via sotto il naso da una tardona della forma di un sacco di patate, che aveva appena acquistato altri 6 capi come se fossero cartoline, con il beneplacito della proprietaria, la quale ha detto semplicemente: "siamo spiacenti non c'è più", senza nemmeno avere la grazia di proporre qualcos'altro magari a un prezzo ridotto per venire incontro al disappunto di un cliente giovane ed entusiasta che chiaramente ci teneva e capiva cosa aveva davanti. Siamo in un negozietto veneziano e non in una catena asettica di Gucci o Armani. Se volevo essere trattata così e buttare via un po' di soldi andavo in quelli. Sono uscita senza neanche salutare dopo aver indugiato un po', ma nessuno mi ha detto niente. Bel modo di essere trattati solo perchè non si è strapieni di soldi e perchè si è parte di una minoranza maltrattata in questo paese: i giovani che hanno gusto e cultura. E' alle donne che come me che oggi viene negata la qualità del vestire, senza possibilità di scelta. Continuate a massacrare gli ultimi strascichi della classe media italiana, vantatevi dei vostri guadagni, tanto alla fine riuscirete solo a produrre una mancanza di senso per voi e per gli altri. La prima volta ero capitata nel negozio in epoca di sconti e con una commessa simpatica e generosa che ha chiuso un occhio e mi aveva fatto un po' di sconto simbolico, a volte basta poco per preservare la qualità, ma è chiaro che la vera qualità a questa gente non interessa. E allora via libera alle "tardone" radical chic, questo posto non è per me, io sono solo una trentenne con due lauree, che ha vissuto anni all'estero, con un notevole buon gusto per i tessuti, ma un ancora maggiore buon gusto per gli esseri umani, cosa che capisco non interessi a nessuno in questo paese.
    alcuni anni fa Notifica di abuso

IL MIO PIANO DI VIAGGIO

0

localitá aggiunta a

organizza il tuo viaggio